Bajaj Auto vede uno svantaggio del first mover tra gli scooter elettrici - BQ Insight

Blog

CasaCasa / Blog / Bajaj Auto vede uno svantaggio del first mover tra gli scooter elettrici - BQ Insight

Jun 12, 2023

Bajaj Auto vede uno svantaggio del first mover tra gli scooter elettrici - BQ Insight

Bajaj Auto Ltd. has taken a calibrated approach towards electric two-wheelers,

Bajaj Auto Ltd. ha adottato un approccio calibrato nei confronti delle due ruote elettriche, a differenza delle startup che hanno rubato terreno agli operatori storici nello spazio indiano, cavalcando un'ondata di soldi facili, secondo il direttore esecutivo Rakesh Sharma.

"In una certa misura, questo potrebbe essere lo svantaggio di chi si muove per primo", ha detto Sharma a Niraj Shah di BQ Prime. "Questo è esattamente quello che è successo in Africa, dove i cinesi hanno aperto il mercato con motociclette economiche. I clienti hanno avuto un assaggio del motociclismo e poi sono arrivate le aziende di buona qualità."

Oggi, le indiane Bajaj Auto e TVS Motor Co. dominano il mercato africano, spingendo fuori, secondo alcune stime, quasi 160 case automobilistiche cinesi. La robusta Bajaj Boxer 150, che fu un flop in India, è tra le motociclette più vendute in quel continente.

Allo stesso modo, un gruppo di startup di veicoli elettrici, guidate da Ola Electric e Ather Energy, hanno conquistato quote di mercato con molteplici offerte nel nascente ma in rapida evoluzione dello spazio elettrico a due ruote in India. In confronto, gli operatori storici come Bajaj Auto, TVS e Hero MotoCorp Ltd., che ironicamente è uno dei primi investitori in Ather Energy, sono stati lenti nel lanciare i loro prodotti. In effetti, il più grande produttore di scooter, Honda Motorcycles and Scooters India Ltd., deve ancora entrare nel mercato, anche se sono in corso i piani per lanciare un Activa elettrico.

In superficie, ciò sembra essere dovuto all’accesso che le startup di veicoli elettrici hanno ai fondi di private equity. A maggio, Ola Electric ha raccolto 300 milioni di dollari per una valutazione di 6 miliardi di dollari, nonostante il processo del fuoco dell'azienda nell'anno trascorso. La società guidata da Bhavish Aggarwal, che sta pianificando un’offerta pubblica iniziale, ha raccolto finora quasi 1 miliardo di dollari. Secondo quanto riferito, Ather Energy ha una campagna di raccolta fondi da 250 milioni di dollari per una valutazione di quasi 1,3 miliardi di dollari.

Sharma di Bajaj Auto, tuttavia, non è d'accordo.

"La questione non è il denaro facile. Lasciatemi dire che c'è abbastanza denaro facile anche per gli operatori storici", ha detto. "Il problema è il costo e il tasso in cui il cliente lo accetterà. Ci stiamo calibrando per quello. Non è che se avessimo accesso a denaro facile, l'industria cambierebbe. Se chiudi il rubinetto e l'industria lo farà recedere."

"Non abbiamo fondi di private equity da investire e, anche se lo avessimo, saremmo molto cauti nei confronti dell'ecosistema: anche i nostri fornitori e concessionari devono avere successo. Siamo forti quanto loro."

Anche i sussidi non sono una soluzione, ha detto Sharma. Un sussidio può accelerare l’adozione ma rendere il processo decisionale fortemente distorto. Una volta che i sussidi finiscono, la domanda crolla, ha detto. I sintomi di astinenza, infatti, cominciano a manifestarsi.

Le vendite al dettaglio di veicoli elettrici a due ruote hanno superato la soglia di un lakh per la prima volta a maggio, in gran parte in previsione di una riduzione dei sussidi FAME-II entrati in vigore il 1 giugno. Le spedizioni sono aumentate del 57% rispetto al mese precedente a 104.755 unità, secondo il sito web VAHAN del governo. "La rimozione del sussidio separerà il grano dalla pula. Le aziende con fondamentali solidi, siano esse nuove o vecchie, vedranno la loro crescita", ha detto Sharma.

Tuttavia, Bajaj Auto deve essere molto più aggressiva con la sua strategia EV perché, sebbene il rischio sia temporaneo, la perdita di quote di mercato è permanente, secondo Nirav Sheth, amministratore delegato (azionario istituzionale) di Emkay Global Financial Services.

Nell'industria automobilistica indiana, un leader di segmento non ha mai abdicato al trono, che si tratti di veicoli commerciali (Tata Motors), trattori (Mahindra e Mahindra), autovetture (Maruti Suzuki), motociclette per pendolari (Hero MotoCorp), scooter automatici (Honda), motociclette di peso medio (Royal Enfield) e moto sportive (Bajaj Auto).

Sotto questo aspetto, Ola Electric potrebbe benissimo mantenere la sua corona di veicoli elettrici, per sempre.

"È compito dell'imprenditore correre il rischio o chiedere all'ecosistema di correre il rischio. Come sta facendo Ola con la raccolta fondi", ha detto Sheth. "Gli operatori storici devono essere molto più aggressivi, a rischio di perdite. Penso che questa sia la natura della bestia."

Questo fatto non sfugge a Sharma, un veterano di 16 anni alla Bajaj Auto.